LA MOTOTERAPIA ESISTE DAL 2009. L’ATTIVITÀ INVENTATA DA VANNI ODDERA, E PORTATA AVANTI DA TUTTO IL TEAM DA BOOT, VIENE OFFERTA A TITOLO GRATUITO E CONSISTE NEL FAR SCOPRIRE IL MONDO DEL FREESTYLE MOTOCROSS A PERSONE DIVERSAMENTE ABILI, INVALIDE E CON PROBLEMI PSICOFISICI. 

Lo scopo della mototerapia è di regalare una giornata unica a queste persone e soprattutto di dargli la possibilità provare la moto. Perchè la moto è per tutti!

Vogliamo sensibilizzare la società a regalare emozioni a chi è meno fortunato di noi. Noi lo facciamo tramite le moto ed il freestyle motocross, ma tutti hanno qualcosa di speciale da offrire al prossimo.

COME SI SVOLGE

I ragazzi saranno i protagonisti della giornata e saranno seduti all’interno della nostra pista, che generalmente è interdetta al pubblico. Il team inizierà ad esibirsi: ogni salto sarà dedicato ai nostri ospiti, che godranno dei passaggi, dei sorrisi e delle strette di mano di ogni pilota tra un’evoluzione e l’altra.

Ma non finisce qui: al termine dell’esibizione i piloti si fermeranno vicino agli ospiti e li faranno salire uno alla volta sulle moto per fargli fare un giro di pista (ovviamente senza saltare) così da fargli vivere un’altra grandissima ed irripetible emozione.

Generalmente, finiti i giri in moto, prima di congedarsi il team passa ancora un po’ di tempo con i ragazzi, a volte per un pranzo tutti assieme.

FREESTYLE HOSPITAL

Il concetto è molto simile a quello della Mototerapia, solo che si svolge direttamente nei reparti pediatrici degli ospedali. Entriamo con moto (elettriche) e altri “giochi” e mezzi nei reparti, dove intratteniamo i bambini/ragazzi, ci giochiamo assieme e cerchiamo di rubare un po’ di tempo alle malattie che li imprigionano in questi luoghi asettici, distraendoli dalla realtà quotidiana.